Health

UOMINI E GENI LA MEDICINA DELL’INDIVIDUO

La Repubblica e RSalute, sabato 11 novembre 2017 alle ore 10,30 presso il Museo del Risorgimento a Torino, presenteranno “ La medicina dell’individuo”.
L’incontro, aperto al pubblico, sarà un’occasione per parlare di salute, di sanità, di medicina, di malattia.
L’individuo al centro della scena, con il suo sentire, e con la sua unicità di essere umano.
Le nuove frontiere della genetica mostrano alla medicina degli orizzonti impensabili fino a poco tempo fa. L’individualità della malattia nasce proprio da questo. Ognuno di noi è diverso, con un proprio DNA, e diverso è il reagire al male. Anche la medicina, aiutata dalla genetica, ha come obiettivo futuro quello di tracciare un profilo di terapia ad personam. I malati si assomigliano, ma non sono uguali.
L’incontro “Uomini e geni. La medicina dell’individuo” ha dunque come scopo, quello di promuovere un’idea innovativa: rendere protagonista l’esperienza individuale che ognuno di noi ha con la sua malattia, ripensandola in maniera più completa.
Nel corso della mattinata, oltre a vari incontri con esperti, l’attore Neri Marcorè tratterà il tema affrontato leggendo dei brani presi da testi di Molière, Pirandello e Tolstoj. All’evento parteciperanno anche: Mario Calabresi, Sergio Chiamparino, Lucia Del Mastro, Paolo Marchetti, Mario Melazzini e Giorgio Scagliotti.

 

Un appuntamente importante e da non perdere per la sensibilizzazione sulla prevenzione del carcinoma al seno

8 thoughts on “UOMINI E GENI LA MEDICINA DELL’INDIVIDUO”

  1. “rendere protagonista l’esperienza individuale che ognuno di noi ha con la sua malattia, ripensandola in maniera più completa” mi sembra una ottima Idea. Chi ha indetto questo incontro ha davvero a cuore l’individuo e le sue malattie.

  2. Si, sono convinta anche io che gli studi e le scoperte sono opera di menti geniali. Bell’articolo interessante e da divulgare. Complimenti per l’articolo! A presto, Marla

  3. Un articolo molto interessante, trovo sempre molto utile conoscere e sapere e la cosa importante è la divulgazione di queste tematiche e arrivare a più persone possibili. Grazie per il tuo articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *